Il mondo esterno come uno specchio

So bene che questo modo di considerare risulta inizialmente molto insolito, tuttavia l'abitudine a certe affermazioni non deve necessariamente essere considerata il criterio della loro esattezza.
Il cosiddetto mondo esterno e' in realta' uno specchio in cui ognuno vive se stesso in quanto dalla realta' generale vera, oggettiva, uguale per tutti, filtra solo quello per cui ha personalmente un'affinita'.
chi non e' consapevole di questo fatto, finisce per commettere errori di comportamento.

Quando la mattina mi guardo allo specchio e in questo specchio vedo un viso che mi guarda in modo poco amichevole, posso strapazzare per bene questo viso per la sua poca cordialita'. Il viso nello specchio non si lascia per questo impressionare, anzi invia altrettanti insulti.

In questo modo e' facile arrabbiarsi sempre di piu' finche' non si comincia a colpire il viso incriminato e lo specchio va in frantumi.
Nessuno pero' si comportera' in questo modo con lo specchio del bagno, perche' siamo ben consapevoli della sua funzione di specchio.

Tuttavia quasi tutti gli uomini si comportano nella vita quotidiana nel modo sopra descritto. Lottano contro i loro nemici nel mondo esterno, contro i vicini o i parenti indisponenti, contro le ingiustizie dei superiori, contro la societa', e altro ancora.
Tutti in realtà combattono soltanto contro se stessi.
Per questo ovunque ci sono sempre e soltanto dei perdenti, mai dei vincitori, perche' contro chi si potra' mai vincere in una battaglia allo specchio? La legge di risonanza e dello specchio vale naturalmente sia in senso positivo che negativo.

Se nelle nostre considerazioni citiamo quasi esclusivamente esempi negativi, e' perche' e' qui che si produce il dolore umano. Gli aspetti positivi della vita vengono facilmente accettati da tutti.
Se l'uomo si rende conto della funzione di specchio del mondo che lo circonda, si procura una insospettata fonte di informazione. Anche se nello specchio si puo' vedere sempre e soltanto se stessi, noi usiamo lo specchio perche' puo' mostrarci parti di noi stessi che senza il suo aiuto non potremmo mai scorgere.
Allo stesso modo, l'osservaizone del proprio mondo esterno e degli eventi coi quali si viene confrontati e' uno dei metodi migliori per conoscere se stessi, perche' tutto quello che nel mondo esterno disturba indica semplicemnte che non si e' conciliati in se stessi col principio analogo.

La Psicoterapia

dott. Fabio Fois Psicologo e Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale- Roma -P.I: 10716660583 :: Tel: 338/7777329 - 320/9262604